LETTERA DA UN RITORNO

Com’è andata a finire

(05.08.18 – Aeroporto Internazionale di Ho Chi Minh, Vietnam)

Caro te,

 

Sono partito a Gennaio per scriver, capire e ritrovare me stesso.

Dopo 8 mesi di Asia, ho ancora gli stessi dubbi, gli stessi problemi, e il mio sogno d’inchiostro s’è arenato di colpo, come una bottiglia di vetro tra lo scoglio e le onde.

Ma voglio chiederti questo: c’è davvero da essere tristi? Da rinnegare ed odiare e poi maledire quanto fatto durante? È forse tutto più brutto perché non è finita come speravo?

No, oggi va bene così, lo spirito ricco e sconfitto ma comunque felice, ché la speranza è un fuoco e le illusioni quei rami che lo tengono acceso.

 


 

 

Grazie per la lettura! Se ti è piaciuto questo articolo, segui “Lettere da” anche su Facebook

 

 

Lettera da Kuala Terengganu